Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Cari Amici,
ora andremo ad affrontare l’argomento che più di tutti caratterizza e distingue la MTC dalla Medicina Occidentale: il Qi.


Questo termine è generalmente tradotto come "Energia", il carattere cinese che lo rappresenta, indica il vapore sprigionato da un chicco di riso che scoppia; questo rende l'idea di cosa intendessero gli antichi Cinesi per Energia Vitale, cioè quella sprigionata dal riso bollito, loro alimento principale per antonomasia.
Il Qi (si pronuncia “ci”) scorre in canali detti comunemente "Meridiani", linee virtuali che attraversano tutto il corpo, in superficie e in profondità, che vanno a formare il "Sistema Energetico", quello che in occidente non è conosciuto né considerato; la Medicina Occidentale, si è sempre basata su quelli Cardiocircolatorio, Nervoso e Linfatico più tangibili, dimostrabili e di conseguenza trattabili.
I testi antichi di Medicina Cinese ci insegnano che: "Il Sangue produce il Qi e il Qi muove il Sangue", in termini moderni di bioelettrochimica, questo fenomeno si potrebbe spiegare così: il sangue scorrendo nei vasi, per attrito, crea tutto intorno alla parete un campo di energia elettromagnetica (Qi) è lo stesso fenomeno che accade quando una corrente elettrica attraversa un filo, il cosiddetto "effetto skin", ovvero la corrente non scorre attraverso il conduttore, ma in maniera aderente tutto intorno al suo diametro.
Questo è il meccanismo della produzione del Qi, che a sua volta, promuove la circolazione del sangue all'interno del vaso stesso.
Il nostro corpo è formato da cellule, le quali a loro volta sono costituite da atomi e molecole, che, come dimostrano le ultime ricerche della nuova fisica (che non considera più tanto le particelle, ma campo e onde) emanano e ricevono Luce ed Energia, pur essendo “materia”, questo concetto a tutt'oggi, per chi non si occupa di Medicina Energetica, può ancora risultare fumoso.
Come già detto, in occidente, si è iniziato a considerare il Sistema Energetico solo negli ultimi decenni, mentre in oriente è parte integrante della loro cultura da sempre, di fatto tutte le tecniche terapeutiche utilizzate, Qigong, Agopuntura, Tuina ecc. sono dei “modulatori di  Energia/Qi”.
Con la Farmacologia, si somministrano sostanze (vegetali, minerali e animali) che oltre alla  modulazione energetica, danno al corpo sostanze, un’integrazione alimentare nutritiva, anche con la moxibustione (cauterizzazione/riscaldamento degli agopunti) andiamo ad immettere calore (tonifichiamo la parte Yang dell’Energia) e anche in questo caso portiamo all’interno del corpo un valore aggiunto.